Estate - Primavera e Autunno

Tour Lago di Garda

Prossime partenze:
Durata:

6 giorni

Programma in pdf:

Clicca qui per scaricare

Di cosa si tratta

Con il suo microclima e grazie alla vasta estensione, il Lago di Garda è un mondo a sé ricco di angoli suggestivi, di tradizioni uniche e di cittadine e curiosità tutte da scoprire. Dalle tradizioni gastronomiche, alla scoperta dei giardini più belli fino alle traversate che permettono di comprendere anche le influenze storiche delle cittadine lacustri.

Le giornate del tour

Giorno 1:

Desenzano - Sirmione

Partenza dalla località prescelta in direzione del Lago di Garda. Il nostro accompagnatore ci illustrerà il paesaggio magnifico che incontreremo. Prima tappa: Desenzano. Sulle rive meridionali del Lago di Garda, adagiata a ventaglio sulla prima cerchia dell’anfiteatro morenico, Desenzano è un’incantevole cittadina e gradevole località balneare. Desenzano presenta un patrimonio artistico, storico e archeologico che affonda le sue radici in epoca romana. Il cuore della città sorge attorno a Piazza Malvezzi e al Porto Vecchio, abbellito dai palazzi cinquecenteschi dell’architetto bresciano Giulio Todeschini. Da non perdere la zona archeologica, che custodisce i resti di una grandiosa villa romana del IV sec. d.C. con splendidi pavimenti policromi a mosaico, il Museo archeologico, con uno degli aratri più antichi del mondo, la panoramica torre di S. Martino della Battaglia. Pranzo libero. Nel pomeriggio ripartiamo alla scoperta della Penisola di Sirmione. Conosciuta da tutti come “la perla delle isole e delle penisole” grazie a Catullo, Sirmione è località rinomata per le note proprietà curative della sua acqua termale. Posta sulla sponda meridionale del Lago di Garda, in corrispondenza di una lunga e sottile penisola che divide i golfi di Desenzano e Peschiera. Oltre ad ospitare un centro termale di livello internazionale, offre un ricco patrimonio storico e artistico, che comprende i resti di un’antica villa romana della prima età imperiale, altrimenti nota come le Grotte di Catullo, la Rocca Scaligera e la chiesa di S. Pietro in Mavino, risalente all’VIII sec. circa. Sistemazione, cena e pernottamento.

 

Giorno 2:

La Rocca Di Manerba - Il Vittoriale E I Giardini Di Heller

Dopo la prima colazione si continua il giro di questo meraviglioso lago iniziando da Manerba. Il nome verrebbe fatto risalire alla presenza di un tempio dedicato alla dea Minerva, del quale resta solo una lapide in suo onore, probabilmente era ubicato nel luogo dove sorse la rocca. Durante il Risorgimento Manerba del Garda vide Giuseppe Garibaldi appostarsi nella rocca per studiare gli spostamenti delle truppe austriache. Tempo libero per una passeggiata rilassante. Proseguiamo per la visita del Museo del Vittoriale degli italiani a Gardone Riviera. Il Vittoriale è una cittadella cinta da mura, che si estende per circa nove ettari, ai quali si aggiunge, a poche centinaia di metri, una Torre-darsena dislocata sul lago. E’ dunque un monumento complesso, costituito da una serie di edifici, un grande anfiteatro, viali, piazze, hangar, giardini e parchi con fontane, corsi d’acqua e un laghetto. La casa chiamata da Gabriele d’Annunzio “Prioria”, è rimasta integra come il Poeta la volle e la abitò. Nelle numerose stanze sono custoditi migliaia d’oggetti, opere d’arte e cimeli che ricordano l’eroica vita di D’Annunzio. Nell’ala di Schifamondo si trovano l’Auditoruim e il Museo della guerra, dedicato all’esperienza militare di D’Annunzio. Pranzo libero. Nel pomeriggio ci immergiamo in un paradiso verde. Il giardino di Andrè Heller. Un “campionario di regioni del mondo”, così definisce Andrè Heller il suo Giardino. Nel corso degli anni, aiutato da un clima che Heller definisce “aria della fortuna” è riuscito a trasformarlo in un giardino paradisiaco in cui sono ospitate piante provenienti da tutto il mondo, Andrè Heller ha aperto le porte del suo Giardino: la ricetta della fortuna non in veste di luogo segreto e riservato a pochi, ma un invito a tutti quelli che ne vogliono godere, e che sono pronti a trattare con cura e attenzione il regno della sensibilità. Ritorno in hotel, cena e pernottamento.
 

Giorno 3:

Santuario Monte Castello Di Tignale, Tremosine E Riva Del Garda

Dopo la prima colazione imbocchiamo la Gardesana Occidentale in direzione nord, superando i paesi di Toscolano Maderno, Gargnano  e la lunga galleria di Campione. All’uscita della galleria si giunge immediatamente al bivio per salire verso l’altipiano di Tignale a circa 600mt s.l.m. Da qui raggiungeremo il Santuario Monte Castello, dal quale è possibile ammirare un panorama veramente mozzafiato del lato sud del Lago di Garda che spazia da Malcesine fino a Salò. Posto su un verde altopiano coltivato ad olivi e frutteti, tra panorami mozzafiato e terrazze a picco sul lago, il Comune di Tignale si snoda tra sei frazioni, tutte fra i 500 e i 600 metri di altezza s.l.m. Lago, collina e montagna caratterizzano la geografia dei luoghi ed offrono scenari incantevoli. Andremo poi a visitare un altro punto panoramico eccezionale: Tremosine. Tremosine si trova nel cuore del Parco Alto Garda Bresciano e ne incarna l’essenza più vera (oltre 70 Km) e raccoglie tutti i pregi naturali e ambientali dell’area naturale protetta. Primo tra tutti quello paesaggistico. Qui le montagne più elevate del Parco si confondono con mediterraneo, qui si colloca il verde altopiano di Tremosine, un’oasi naturale ancora incontaminata che appaga lo spirito. Pranzo libero. Continuiamo il nostro splendido tour e raggiungiamo Riva del Garda. Clima mediterraneo, spiagge libere ampie e assolate, panorama incantevole sono gli ingredienti per una vacanza sul Lago di Garda indimenticabile e in ogni momento ripetibile. Lo sport è la principale motivazione di vacanza: vela e windsurf prima di tutto, ma anche passeggiate, ciclismo, mountain bike, tennis, canottaggio. Sistemazione cena e pernottamento.
 

Giorno 4:

Riva Del Garda E Limone

Prima colazione in hotel e visita della centrale idroelettrica di Riva del Garda realizzata in riva al lago negli anni ‘20 su progetto dell’architetto di D’Annunzio, Giancarlo Maroni, già artefice del Vittoriale degli Italiani. Ci aspetta ora una degustazione di una selezione di pregiati olii d’oliva all’Agraria di Riva del Garda. L’olivo è una specie arborea tipicamente mediterranea che al 46° grado di latitudine - corrispondente al lago di Garda - raggiunge il limite più a nord nel nostro emisfero. Grazie al clima mite la coltivazione dell’olivo nel Basso Sarca e nella zona del Garda rappresenta un unicum in Italia e in Europa, Pranzo libero. Nel pomeriggio si parte per Limone. Il paese di Limone sorge su una stretta lingua di terra a ridosso di alte pareti rocciose a nord del Consorzio Lago di Garda-Lombardia. In passato era raggiungibile esclusivamente via monti o lago e basava la propria economia sulla pesca e sulla coltivazione di olivi e limoni (è il luogo più settentrionale in cui si possono trovare coltivazioni di agrumi). Ancora oggi troviamo traccia di questa economia agricola nei pilastri e muraglioni delle limonaie - i caratteristici giardini in cui si coltivano i limoni e nel caratteristico porticciolo di pescatori. Tempo libero per passeggiate e relax. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

Giorno 5:

Giro Del Lago Di Garda In Battello

Dopo la prima colazione oggi, si cambia mezzo di trasporto: il traghetto. Da Torbole sul Garda ci porta a Bardolino e ritorno. Le tranquille acque del lago ci culleranno per tutto il tragitto.  Benvenuti a Bardolino, città del vino e degli incontri: uno dei borghi più vivaci del Lago di Garda! Bardolino, affermata località turistica, sorge a metà della sponda orientale, nel punto di maggior ampiezza del lago di Garda. La dolcezza del clima favorisce la crescita della flora mediterranea: ulivi, cipressi, oleandri, viti, prosperano sulle colline che fanno da corona al centro che si protende verso il lago con due caratteristiche punte formate nei secoli da due torrenti. Il vino è il protagonista assoluto anche di importanti eventi quali la Festa del Vino Bardolino Chiaretto a maggio, la Festa dell’Uva e del Vino Bardolino DOC a ottobre, la Festa del Vino Novello a novembre e, nel periodo della vendemmia, della famosa “Cura dell’Uva”. Visita ad una cantina e degustazione. Rientro in hotel cena e pernottamento.
 

Giorno 6:

Lago Di Tenno E Rientro

Dopo la prima colazione, escursione al lago di Tenno. Il lago di Tenno, balneabile, è un’oasi di tranquillità, con acque limpidissime e paesaggi incontaminati. Le sue spiagge sono libere e attrezzate. Viene chiamato “lago azzurro” perché il bosco circostante e le pietre bianche del fondale gli conferiscono un colore verde azzurro. Tenno gode di un clima tipicamente mediterraneo, anche se immerso già in un ambiente alpino. Olivi, viti e castagni crescono sui terrazzamenti, coltivazioni caratteristiche del luogo. Il borgo di Canale di Tenno è uno dei borghi più belli d’Italia. Arroccato su un pendio a metà strada tra il Lago di Garda e le Alpi, è stato recentemente inserito nell’elenco dei Borghi più Belli d’Italia, e non c’è da stupirsene: stretti vicoli lastricati, portici, piazzette interne, case addossate una all’altra come negli antichi villaggi del duecento. Pranzo in un ristorante tipico dove si gusterà la famosa carne salada trentina. Rientro alle località di partenza.

 

La Quota Comprende

Viaggio A/R in pullman G.T.
Sistemazione in hotels della categoria indicata in camera doppia con servizi privati
Trattamento di MEZZA PENSIONE, dalla cena del 1° giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno
Accompagnatore per tutta la durata del viaggio
Guida a Sirmione
Guida alla centrale idroelettrica di Riva
Giro in barca
Pranzo in ristorante tipico
Visita in cantina e degustazione
Degustazione dell’olio all’Agraria di Riva
Ingresso ai giardini di Heller
Ingresso al Vittoriale degli italiani

La Quota Non Comprende

Pasti non esplicitamente indicati in programma
Bevande ai pasti
Tasse aeroportuali
Tassa di soggiorno
Extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “Le quote comprendono”
 
Sei un'agenzia?

Tour Lago di Garda